Cresce l’intelligenza artificiale e il cloud cognitivo nel mercato automobilistico

guida autonomaIl mercato automobilistico si rivoluziona. Nei prossimi cinque anni saranno disponibili, infatti, auto con guida autonoma di livello ‘4/5’. Tale ranking si riferisce a uno standard utilizzato dalla SAE International Automotive per indicare il grado di autonomia dei veicoli. Attualmente, i livelli previsti sono sei (da 0 a 5). La guida autonoma sarà disponibile in primo equipaggiamento grazie agli investimenti su larga scala delle Case produttrici. Nell'ultimo anno, la curiosità per queste tecnologie, infatti, ha portato a una loro rapida diffusione. Come emerge dai dati raccolti nel Global Autonomous Driving Market Outlook 2017, la più recente analisi del programma Automotive & Transportation, gli investimenti sui veicoli autonomi raggiungerà quota 83 miliardi di dollari entro il 2025. Alla base vi è uno studio sulle tendenze della richiesta di dispositivi legati ala guida automatica, quali gli sviluppi dell’utilizzo di sistemi di assistenza al conducente, taxi robot, cloud cognitivo e l’adozione della tecnica LiDAR - ovvero un metodo di telerilevamento per rilievi topografici ad alta risoluzione – che serviranno a ottimizzare la percezione visiva. Il rapido progresso delle start-up e dei leader del settore tecnologico dei veicoli automatizzati, porterà le Case automobilistiche, i fornitori e le aziende fortemente innovative a collaborare, così da poter aggiornare i rispettivi team di ricerca e sviluppo, mantenendo alto il livello di competitività. Tra le opportunità offerte dal mercato della guida troviamo: il boom dei modelli condivisi o di noleggio, l’aumento della diffusione di tecnologie autonome in settori specializzati, gli elevati investimenti nell’intelligenza artificiale e nei sensori di visione.

BePooler investe sul carpooling a Milano

BePooler1BePooler promuove il lancio e lo sviluppo dell’attività di carpooling a Milano, capitale della mobilità condivisa e sostenibile. A soli due anni dalla sua nascita, la società svizzera raggiunge i suoi primi obiettivi grazie a una piattaforma web semplice e una user experience basata sulle esigenze dei pendolari. L’app consente di gestire gli spostamenti con i colleghi e di prenotare i parcheggi riservati alle auto condivise. Nella città di Lugano, BePooler offre anche il servizio ‘Park & Ride’, che mette a disposizione dei veicoli oltre venti piazzole di sosta. Tra gli investitori di BePooler figurano Viasat Group, il fondatore di SmeUp, e alcuni manager del settore. “Il carpooling come soluzione per il pendolarismo – spiega Antonio Turroni, presidente e fondatore di BePooler - è una leva fenomenale per la riduzione del traffico motorizzato, ma non ha ancora sviluppato il suo potenziale per mancanza di servizi che lo rendano accattivante per i dipendenti. Dopo un’attenta sperimentazione nella Svizzera italiana, BePooler lancia su Milano la soluzione tecnologicamente più avanzata al mondo per la gestione del carpooling per commuters. Inoltre, fornisce anche a imprese e comuni le soluzioni di welfare aziendale, di gestione del traffico e dei parcheggi, volta a incentivare questa best practice in coerenza con le loro politiche di sostenibilità”.

 

Credits :: Privacy Policy :: Cookie policy

Casa Editrice la fiaccola srl - Via Conca del Naviglio 37, 20123 Milano - Partita IVA: 00722350154